Browsing Category:

Il parto

Cosa succede quando si rompono le acque

Tante donne in gravidanza non sono sicure di quello che accade durante la rottura delle acque, molte temono anche questo possa avvenire in un luogo pubblico.
La rottura delle acque, come viene chiamata di solito, avviene nel momento in cui il bambino è pronto per nascere. L’utero comincia a fare piccole contrazioni che avranno effetto sul sacco amniotico, causando la rottura delle acque.

Si può dire che, quando l’utero comincia a contrarsi, aumenta la pressione sul liquido all’interno del sacco che ha subito meno spazio e fuoriesce – quasi come un palloncino con l’acqua dentro.

Il liquido che esce è completamente trasparente e inodore, come l’acqua.

Le modalità con cui questo avviene possono variare notevolmente da donna a donna, alcune possono sentire un colpo secco, come una borsa che si rompe, e la fuoriscita di molto liquido, mentre altre posso invece avere la sensazione di una piccola perdita, come di urina, che non è raro che durante una gravidanza.
Nel primo caso non vi è dubbio che sta per iniziare il parto, mentre ne l secondo caso puà essere un segnale che la nascita si sta avvicinando.

La maggior parte delle donne di solito non percepisce l’uscita di grandi quantità di liquido, perché in questo momento la testa del bambino si trova proprio sopra il canale del parto ed effettivamente agisce un po ‘come un tappo che blocca l’acqua.

La rottura delle acque è il segno che il parto sta per iniziare, e può facilmente accadere diverse settimane prima della data presunta.
Quando le acque si rompono, è il momento di andare in ospedale e prepararsi per la nascita.

By /

Come faccio a partorire senza dolore ?

L’ epidurale è molto utilizzata per ridurre il dolore del parto ed è molto diffusa e praticata. Anzi, probabilmente è l’antidolorifico più diffuso e richiesto dalle donne durante il parto, e la domanda negli ultimi anni è in sensibile aumento.
L’epidurale riduce il dolore, ma non anestetizza completamente, così da avere ancora la capacità di controllare ciò che accade al proprio corpo.

Come funziona una epidurale?
Una epidurale è un anestetico che viene iniettato in una specifica area del corpo, il vero scopo è quello di fornire sollievo dal dolore, senza usare un anestetico generale che addormenta completamente. Con l’anestetico locale si resta svegli e si vive attivamente il parto.

L’epidurale addormenta gli impulsi nervosi nella parte inferiore del corpo , con il risultato che non si percepisce il dolore dalla vita in giù.
Questa forma di anestesia appartiene alla categoria di anestetico locale ed è stato progettata per funzionare con una dose ridotta di effetto analgesico.

Come viene somministrata?
L’epidurale viene eseguita dal medico anestesista.

Mentre la paziente è seduta o in piedi viene prima somministrato un anestetico locale tramite iniezione nella parte sinistra della spina dorsale, nella parte inferiore della colonna vertebrale. L’anestetico locale paralizza una piccola area, e poi viene inserito un catetere nella schiena, sempre nella parte inferiore della colonna vertebrale, tramite cui iniettare le dosi di analgesico. Quando non è più necessario, il catetere viene rimosso.

Quali sono i vantaggi?
– Riduce il dolore causato dalle contrazioni, quasi l’80% dei dolori sono ridotti o assenti.
– Rilassa la zona del perineo intorno alla vagina, questo rende le contrazioni sono più efficienti e il parto è più facile e senza complicazioni.
– Se partorite con un taglio cesareo, l’epidurale vi permetterà di seguire la nascita e agirà come antidolorifico anche nelle ore successive.
– L’effetto della epidurale è rilassante e vi permetterà di affrontare il parto e la nascita senza forti dolori e stanchezza.

Quali svantaggi ci sono?
– Possono esserci improvvisi abbassamenti della pressione arteriosa, la pressione sarà quindi costantemente monitorata per garantire l’approvvigionamento di sangue sufficiente al bambino.
– Forte mal di testa a causa della perdita di liquido spinale.
– Effetti collaterali come nausea, tremori, ronzio nelle orecchie, dolore alla schiena, dolore intorno al punto dove l’ago è stato inserito e difficoltà ad urinare.
– Poche ore dopo la nascita, la parte inferiore del corpo potrebbe essere insensibile con conseguenti difficoltà nel camminare.

By /