Browsing Category:

Salute e benessere

Diabete in gravidanza

La causa di questa malattia consiste nella mancata o ridotta produzione della sostanza di insulina, un ormone prodotto dai reni. L’insulina viene utilizzata dall’organismo per regolare i livelli di zucchero nel sangue e per fare lo zucchero che viene trasformato in energia che può essere utilizzato dagli organi del corpo.

Se lo zucchero non viene utilizzato, si accumula nel sangue, dove non viene utilizzato.

Durante la gravidanza molte donne sperimentano una forma temporanea di diabete, perché lo zucchero rimane nel sangue a causa di una serie di cambiamenti che si verificano nel corpo in stato di gravidanza.
Questa forma di diabete è solo temporanea e scomparirà dopo la nascita del bambino.

Tipi di diabete
Tipo 1 – il comune forma di diabete, che colpisce bambini e adulti. In questo caso, le cellule smettono di produrre insulina, e lo zucchero non viene convertita in energia e trasportati agli organi di necessità – così lo zucchero si accumula invece nel sangue. Questo tipo interessa solo una piccola parte della popolazione.
Di tipo 2 – chiamato anche il vecchio-diabete, colpisce la fascia di età. Questa forma di diabete si verifica in genere solo dopo 45 anni di età e, spesso, negli individui affetti da obesità. In questi casi, che ha prodotto abbastanza insulina, ma gli organi non sono in grado di usarlo.
Poi c’è la terza forma di diabete che colpisce le donne in gravidanza, in connessione con i cambiamenti ormonali che si verificano nel corpo. Si verifica durante il secondo e terzo trimestre e scompare dopo la nascita.

Chi è a rischio?
Ci sono diversi fattori che aumentano il rischio di diabete durante la gravidanza:
– C’è già il diabete in famiglia, o le donne della famiglia hanno già avuto il diabete durante la gravidanza
– Le donne che hanno avuto il diabete durante la gravidanza precedente
– Le donne incinte più di 35 anni
– Le donne in sovrappeso o in stato di gravidanza che guadagnano più di peso durante la gravidanza, di quello che è raccomandato.

Sintomi
I primi sintomi della gravidanza, diabete specifici comprende l’affaticamento, aumento della sete e frequente minzione, con un forte bisogno di fare pipì.
Il medico, durante gli esami in gravidanza, prendere bloodtests in grado di rilevare un contenuto aumento di zucchero nel sangue.

Conseguenze per il feto
Diabete influenzerà anche il bambino, dal momento che la madre e il sangue parti figlio – la madre trasmetterà lo zucchero per il bambino, provocando il bambino a produrre più insulina. In questo contesto, il bambino avrà il considerevole peso di più e c’è quindi il rischio che il bambino è nato prematuramente e con un peso alla nascita superiore a 4 kg.

Trattamento
La prima cosa da fare per questa situazione è quello di cambiare le abitudini alimentari – solo di ridurre la quantità di zucchero e prodotti di zucchero nel suo cibo.
Invece si dovrebbe mangiare un sacco di alimenti con fibre e vitamine, di frutta, verdura e cereali.
Inoltre, è una buona idea per assicurarsi di tenere fisicamente attivi, jogging, passeggiate, nuoto, ginnastica, ecc. in modo che lo zucchero può essere consumato.

By /

Problemi della pelle durante la gravidanza

La gravidanza porta con sé molti cambiamenti, emotivi, fisici e mentali. Dal punto di vista mentale ed emotivo, ci si sta preparando ad assumere il nuovo ruolo di genitore, con tutte le responsabilità che ne derivano.
Fisicamente, naturalmente, si ha che fare con i cambiamenti nella forma, nella  funzione e nel movimento del corpo. Anche se esiste la convinzione che le donne incinte abbiano un aspetto radioso, purtroppo non è sempre così. E questo è evidente nei problemi della pelle durante la gravidanza.
Probabilmente avete sentito la frase, “gli occhi sono lo specchio dell’anima”. Se questo è vero, la pelle è lo specchio dello stato di salute e dei cambiamenti interni del corpo. Durante la gravidanza, a parte tutte le altre questioni, si può avere a che fare con una varietà di alterazioni cutanee, comprese eruzioni cutanee, acne, smagliature, rottura delle unghie, crescita o perdita di capelli e peli e macchie scure sulla pelle.
La maggiore parte di questi cambiamenti sono direttamente legate alla quantità enorme di fluttuazioni ormonali durante la gravidanza. Durante questo periodo ci sono tutti i tipi di cambiamenti che possono avere un impatto sulla vostra pelle, portando a problemi di pelle o al peggioramento di quelli esistenti. In alcuni casi la gravidanza può anche realmente contribuire a migliorare le condizioni della pelle. Diamo un’occhiata alle diverse condizioni della pelle in modo più dettagliato, definendo i principali problemi della pelle in caso di gravidanza.
Eruzioni – Le eruzioni cutanee appaiono a causa di  irritazione della pelle. Un rush comune in  gravidanza si chiama orticaria pruriginosa con papule e placche di gravidanza (PUPPP). Questa è la condizione più frequente. Le donne con PUPPP mostrano un infiammazione che inizia sull’addome e può diffondersi a seno, braccia, cosce e glutei.
Acne – L’acne è un altro stato della pelle che può migliorare o peggiorare durante la gravidanza. L’acne è, almeno in parte, influenzata dagli ormoni, così gli ormoni della gravidanza possono in alcuni casi contribuire a migliorare la situazione.
Pelle grassa – La pelle grassa può essere una conseguenza della gravidanza. Ciò è dovuto all’aumento dei livelli di androgeni, l’ormone sessuale maschile, che causa un aumento della produzione di sebo. Il sebo prodotto in eccesso rende la pelle più grassa. Molte donne riferiscono che la pelle e i capelli diventano più grassi durante la gravidanza. Il più delle volte il problema si risolve con semplici prodotti specifici per la pulizia della pelle e dei capelli grassi.
Le smagliature – E’ un problema della pelle in gravidanza, le smagliature appaiono quando gli strati inferiori della pelle sono tesi, con conseguente striature visibili sulla superficie della pelle. La smagliature possono essere trattate, ma il miglior trattamento è sempre la prevenzione. Mantenere la pelle ben idratata, specialmente la pancia, i seni, le cosce, può aiutare a ridurre la comparsa di smagliature.
Angiomi stellati – Si tratta di un altro possibile problema di pelle in gravidanza. Gli angiomi stellati sono gruppi di vasi sanguigni molto piccoli che si riuniscono intorno a un punto centrale e si irradiano come una stella. Le donne in gravidanza possono sviluppare questi inestetismi sul seno, sul viso, sulle braccia e, talvolta, in altre parti del corpo. La maggior parte di questi angiomi sparisce dopo il parto.
Cloasma – Chiamato anche melasma, o “maschera della gravidanza” è un altro stato della pelle che viene diagnosticato quando alcune zone della pelle si scuriscono a causa della pigmentazione in eccesso. Molto spesso questa condizione colpisce i punti della pelle che sono più spesso esposti al sole, come il labbro superiore, la  fronte  e le guance. Questa condizione si risolvere dopo la gravidanza. Anche in questo caso è possibile prevenire il cloasma utilizzando una protezione solare durante tutto il corso della gravidanza.
 
Capelli e peli in eccesso – Cambiamenti nei capelli sono comuni  durante la gravidanza. Alcune donne perdono molti capelli  pochi mesi dopo il parto, mentre molte sono turbate per i peli in eccesso durante la gravidanza. La crescita dei peli in eccesso avviene più spesso sul labbro e sul mento, ed è dovuta ad un  aumento di androgeni e altri ormoni maschili durante la gravidanza.
Unghie fragili – Molte donne sperimentano unghie rotte e fragili durante la gravidanza. I medici non sono completamente sicuri del perché ciò accade, ma il problema può essere risolto con uno  smalto indurente per unghie. E’ meglio prima verificare con il proprio medico circa l’utilizzo dello smalto.
Se siete in gravidanza fate attenzioni ai problemi della pelle sopra elencati. Se si manifesta una di queste condizioni può essere opportuno consultare il medico; non è detto che il problema vi debba accompagnare per tutta la gravidanza. Il medico vi potrà fornire raccomandazioni o suggerimenti su come gestire la situazione in modo da avere sempre una pelle bella e sana anche in gravidanza.
By /

Rosolia

La rosolia è una malattia generalmente innocua e che si distingue per le sue eruzioni cutanee rossastre che chiazzano la pelle. Il tuo bambino può essere facilmente infettato senza che tu te ne accorga e può passare un certo tempo prima che la malattia si manifesti con le eruzioni cutanee.

Leggi tutto

By /

Toxoplasmosi

E’ necessario un esame del sangue per stabilire se una donna in gravidanza ha gli anticorpi contro la toxoplasmosi.
Tutti i neonati vengono sottoposti a un test per controllare se sono stati infettati con la malattia, è però raro che i bambini nascano con questa malattia.

La malattia
La toxoplasmosi è causata da un parassita che vive prevalentemente sui gatti, ma può facilmente vivere anche su altri animali, come lepri, la malattia ha anche il nome più comune di malattia della lepre.

Gli esseri umani possono essere infettati con la malattia attraverso il contatto diretto o indiretto con le feci dai gatti che può avvenire in terreni,orti e lettiere. L’infenzione puà essere trasmessa anche dalla carne e dalla verdura non lavata.

I sintomi assomigliano all’influenza, e la maggior parte delle persone non si accorge di essere stata infettata.

Per le donne in gravidanza è rischioso contrarre l’infezione da toxoplasmosi, perché la malattia può essere trasferita al feto.
Il rischio per il feto possono essere malformazioni cerebrali o danni agli occhi.

Se si scopre dopo la nascita che il bambino ha la malattia, sarà avviato un trattamento medico per ridurre il possibile danno causato.

Al momento non esiste un vaccino contro la toxoplasmosi, e l’unica cosa che da fare è prendere le dovute precauzioni per evitare di essere infettati:

– Evitare di mangiare carne che non sia completamente cotta.

– Evitare le uova crude, utilizzare sempre uova pastorizzate, cotte o bollite.

– Utilizzate prodotti lattiero-caseari pastorizzati, il che significa che i prodotti sono stati trattati con il calore e tutti i batteri sono stati uccisi.

– Lavare a fondo la frutta e la verdura, soprattutto se sporca di terra.

– Usare guanti da giardinaggio se si viene in contatto con il terreno. I gatti usano spesso arenili come toilette, e questo può trasmettere il parassita agli esseri umani.

– Chiedere ad altri di pulire la lettiera del gatto e se questo non è possibile, assicurarsi di indossare sempre guanti di gomma durante l’operazione.

– Lavarsi le mani regolarmente e accuratamente.

By /